Macbook Pro 15” Unibody Mid 2009, passare da HD Stock a SSD

Ciao a tutti

in questo articolo voglio spiegarvi in maniera piuttosto semplice il passaggio da un hard disk normale o stock ad uno a stato solido (SSD). Il livello di difficoltà è piuttosto basso e la spesa non è altissima. Dipende chiaramente dal tipo di SSD che deciderete di comprare e dal taglio.

Personalmente ho scelto un Crucial MX100 da 256gb che si trova in rete al costo di ca 100€.

Dunque, la prima cosa da fare è formattare l’HD per permettere al Mac di leggerlo. Per farlo dovrete collegarlo tramite l’usb. Per connetterlo io ho utilizzato il Raidsonic Icy Box Ib-Ac 603A U3 Adap.+ Corpo 2,5 Su Usb 3.0. Una volta connesso e formattato tramite l’Utility Disk integrata nell’OS, ho utilizzato Carbon Copy Cloner. E’ un software shareware, ma installandolo avrete una prova gratuita di 30 giorni. Più che sufficienti per clonare il vostro hard disk.

Questa procedura richiederà più o meno 3 ore (dipende da cosa deciderete di clonare e da quanto è pieno l’hard disk). Una volta terminato il processo, possiamo passare alla sostituzione fisica.

Non è molto complicata; per prima cosa spegnete il Mac e mettetelo sottosopra. Poi cominciate a svitare le viti della piastra inferiore. Dal lato del dissipatore ce ne sono 3 più lunghe. Una volta aperto identificate il disco (se avete i dissipatori dal vostro lato, il disco è quello che si trova vicino alla batteria nell’angolo destro. Svitate il supporto di plastica e con delicatezza tirate la linguetta per estrarlo. Scollegatelo. Ora dovrete togliere le 4 viti di supporto. Riavvitatele sul nuovo SSD. Staccate anche la linguetta trasparente e attaccatela sul lato dell’hard disk. Ora collegatelo e inseritelo nell’alloggiamento. Ci stà perfettamente senza bisogno di supporti o adattatori. Rimettete il fermo in plastica e richiudete il Mac.

Dopo il primo avvio, ricordate di andare in IMPOSTAZIONI>DISCO DI AVVIO e selezionate il nuovo Hard Disk.

Avviate il Macbook e godetevi la nuova reattività. Ovviamente non aspettatevi un fulmine di guerra. Non diventerà un Pro del 2015, ma di sicuro noterete una maggiore velocità di avvio (dal minuto e mezzo con HD stock ai ca 16/25 secondi del SSD) e una maggiore velocità nell’apertura di applicazioni pesanti tipo Photoshop, IMovie ecc. (in effetti la velocità è quasi sbalorditiva per un Mac che ha quasi 6 e sottolineo 6 anni…)

Volendo potrete anche fare un’installazione pulita dell’OS da CD o da chiavetta USB.

QUI trovate una guida tecnico/fotografica (thanx to IFIXIT)

 

Ecco il test sul mio Macbook Pro:

e il test comparato con la video guida per smontaggio/montaggio:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *